Week #4 - in italiano

Settimana di progetto # 4 : Sciacca


La quarta settimana di progetto di S4T si è tenuta a Sciacca, in Italia. Siamo arrivati tutti domenica, 25 novembre 2012, e siamo partiti venerdì 30 novembre 2012.

Questa è la galleria fotografica della nostra settimana di progetto:
S4T in Italia (galleria fotografica)



















Ed ecco alcune slides



Il diario della settimana di progetto a Sciacca


Domenica  25-11-2012
Quando siamo arrivati ​​a Palermo, abbiamo trovato ad aspettarci all'aeroporto la coordinatrice Rosaria Gallerano e il suo team (Giusy Chiarello, Domenica Gennaro ed altri) e ci siamo diretti a Sciacca attraverso una strada panoramica. A Sciacca  abbiamo trovato ad attenderci  le famiglie ospitanti  che ci hanno “adottato”immediatamente e ci hanno fatto sentire subito  benvenuti nelle loro case.

Lunedì  26-11- 2012
Che accoglienza la mattina in istituto! Siamo stati sopraffatti dal calore della preside Gabriella Bruccoleri. Allievi e personale circondavano l'ingresso e lo spazio centrale nella hall, dove era stato appeso  un enorme cartello "Comenius", insieme ad una bandiera europea e molti altri manifesti che erano la prova del fatto che la comunità scolastica aveva impiegato un sacco di tempo , energia e creatività ,oltre che entusiasmo per il progetto e l'Unione europea in generale.
All'inizio, tutti in piedi in cerchio, tenendoci per mano, abbiamo cantato insieme i nostri  inni nazionali e alla fine l'inno europeo, la nona sinfonia di Beethoven. Era stato allestito anche un banchetto con cibo delizioso e abbiamo chiacchierato un po’ e cominciato a conoscerci.
Dopo , siamo andati  al teatro "Badia Grande" nel centro storico della città, per la nostra prima sessione di laboratorio teatrale. Lì abbiamo incontrato Liz Mitchell, la nostra regista teatrale per tutta la settimana.
Abbiamo fatto alcuni esercizi di riscaldamento per liberarci  delle nostre inibizioni e conoscerci meglio; uno degli esercizi era una sorta di gioco in cui dovevamo immaginare di essere a bordo del"Titanic" che stava affondando, e dovevamo decidere chi avrebbe ottenuto un posto in una delle scialuppe di salvataggio - a seconda delle informazioni che ci erano date sui singoli passeggeri. E 'stato affascinante vedere come l’aspetto e  le informazioni circa il  lavoro o il comportamento precedente di una persona influenzassero le nostre decisioni. Quindi è stato un buon modo di prepararci sul tema del pregiudizio.
Verso mezzogiorno siamo andati a piedi al municipio per incontrare il sindaco di Sciacca, Fabrizio Di Paola, che ci ha riservato un benvenuto molto caloroso nella splendida sala del consiglio comunale di Sciacca.
Poi abbiamo pranzato a Porto San Paolo, un delizioso ristorante sul porto. Abbiamo assaggiato  un sacco di deliziosi frutti di mare a pranzo,  poi siamo andati a vedere qualcosa di molto insolito. Si chiama "Castello Incantato" - ma non vi è alcun castello, invece ci sono migliaia di sculture, tutte a forma di  teste umane (o anche teste di mostri). Siamo rimasti colpiti dall’opera dell’artista Filippo Bentivegna che ha fatto di questo lavoro lo scopo della sua vita.
Dopo, abbiamo avuto un po’ di tempo libero, prima di incontrarci di nuovo presso il "Grand Hotel delle Terme" per il Welcome Party. Il tempo è passato troppo in fretta tra ottimo cibo e spettacoli meravigliosi di tutti i paesi partner.

Martedì 27-11- 2012
La mattina, abbiamo  proseguito con il secondo giorno di laboratorio teatrale. Abbiamo iniziato a sviluppare idee per il concetto di base, cioè due diversi tipi di ristoranti sul palco, uno molto aperto e tollerante, l'altro intollerante e ostile verso le persone che sembravano diverse o si comportavano in modo diverso.
Questa volta abbiamo pranzato presso l'Istituto Alberghiero. Gli studenti di questa scuola hanno preparato e ci hanno servito piatti deliziosi, tipici di questa zona della Sicilia.
Da lì, ci siamo diretti in autobus verso la Valle dei Templi, un sito archeologico di Agrigento. Si tratta di una serie di attrazioni assolutamente incredibili, non riuscivamo a smettere di scattare foto mentre guardavamo estasiati lo spettacolo dei templi, sia perché i templi di circa 2.500 anni fa  erano di così grande effetto, e in secondo luogo per il sole caldo pomeridiano (alla fine di novembre!) : tutto era davvero spettacolare, mentre il sole stava lentamente cominciando a tramontare.
In serata, siamo stati ricevuti presso la sede del Colonnello dei Carabinieri, Riccardo Sciuto. Ci ha informato dei compiti dei Carabinieri, e ha parlato anche dell'importanza della legge, sottolineando che è vitale per la legge non solo che sia applicata dall'alto, ma anche accettata ed osservata dalla base, dalle persone. Solo attraverso l'accettazione universale della legge  la criminalità organizzata come la mafia può essere sconfitta. Certo alcuni di noi sono stati almeno altrettanto impressionati dalle auto veloci e le moto dei Carabinieri!
Poi abbiamo visitato la città di Agrigento, prima di goderci una deliziosa pizza in un ristorante.

Mercoledì 28-11- 2012
Il laboratorio teatrale è stato particolarmente importante oggi, perché è stato anche il giorno della performance finale. Così, dopo un po’di  esercizi e prove, abbiamo dato il nostro meglio per mettere in scena i contrasti tra il ristorante tollerante e quello intollerante; abbiamo apprezzato soprattutto la scena finale in cui tutti ci siamo ritrovati in coppia uno di fronte all’altro al centro del palco, e ci siamo scambiati un saluto di pace e d’ amore con l’attore del ristorante opposto. Tutto ha funzionato bene, come avevamo previsto, ed eravamo  molto soddisfatti della nostra performance.
Dopo l'applauso finale, un autobus ci ha portato a Erice, che si trova sulla cima del Monte omonimo, a circa 750m sul livello del mare, con una splendida vista sulla città di Trapani. Quando siamo arrivati, abbiamo iniziato con un pranzo prelibato e poi siamo andati fino al punto più alto del paese, dove abbiamo goduto di una fantastica vista della costa con le sue rocce, e anche di due castelli e di varie chiese, molto  interessanti. Anche in questo caso, il tramonto era davvero di una bellezza mozzafiato.
Tornati a Sciacca, abbiamo avuto una serata libera, e ne abbiamo approfittato per stare insieme e parlare di tante cose, in compagnia delle persone di tutti i team. Ormai avevamo stretto amicizia indipendentemente dal paese di provenienza. Abbiamo parlato della nostra musica preferita, dei campionati di calcio internazionale, e abbiamo scoperto che la maggior parte di noi era interessata alle stesse cose.

Giovedì 29-11- 2012
Siamo partiti molto presto per Palermo , ma ne valeva davvero la pena! Abbiamo iniziato il nostro giro turistico visitando la Cappella Palatina del Castello dei Normanni. Le ricche immagini dei mosaici dorati che ricoprivano tutta la Cappella erano davvero notevoli, e avremmo potuto certamente passare un'intera giornata ad ammirare i mosaici. Da lì siamo andati a piedi fino alla cattedrale, che è famosa per la sua mescolanza di stili, acquisiti nel corso della lunga storia della sua costruzione tra il 12 ° e il 19 ° secolo.
Abbiamo pranzato presso la "Focacceria S. Francesco" (di nuovo un pranzo delizioso), e  abbiamo trovato notevole il fatto che ci fosse un cartello sulla porta che diceva "Addio Pizzo".  Liz ci ha spiegato che "Addio Pizzo" è il nome di un movimento nato per costruire una comunità di imprese e consumatori che si rifiutano di pagare il "pizzo", denaro estorto dalla mafia.
Abbiamo trascorso il resto del pomeriggio in giro nel centro di Palermo, guardando piccoli negozi e bar e comprando alcuni souvenir. In serata, abbiamo partecipato alla festa d'addio a scuola. E come il Welcome Party, è stata di nuovo in "grande stile"! Prima è stata recitata una poesia da un attore siciliano, poi abbiamo  assistito a un balletto, abbiamo ascoltato canzoni tradizionali cantate dal coro della scuola, quindi la dirigente  Gabriella Bruccoleri, con il suo discorso entusiastico, ha elogiato lo spirito di tolleranza e di cooperazione alla base del  progetto e anche del futuro dell'Europa.
La parte più commovente e toccante della serata è  stato  l’omaggio alla cultura dei paesi partner. Ad ogni Paese  è stato dedicato un omaggio, che si apriva con uno studente di Sciacca che portava la bandiera nazionale del Paese partner, poi una serie di diapositive che mostravano le caratteristiche culturali tipiche e infine uno  studente italiano ha recitato una poesia di un autore famoso  nella lingua originale del Paese partner.  Eravamo tutti  veramente emozionati  per il lavoro e le idee dei padroni di casa italiani.

Venerdì  30-11-2012
E’ stato il momento dei saluti e delle lacrime, perché era già arrivato il momento di partire! Tutti avremmo voluto rimanere più a lungo. Ma d'altra parte, eravamo  felici di aver stretto amicizia con tante persone in così poco tempo. Tutta la settimana  sono stati accesi i riflettori sulla tolleranza, e ci siamo dimenticati di tutti i pregiudizi che forse abbiamo avuto in passato.

Voci individuali
Mi è piaciuto tutto il piano del progetto, dall'inizio alla fine. La settimana di progetto è stata così ben pianificata che tutto il tempo avevamo qualcosa di speciale e interessante da fare. Tutto era molto bello e ben organizzato.
(Andrei, Romania)

Dopo questa esperienza ho capito quanto male possa fare agli altri una persona intollerante. Sto cercando di essere più tollerante e pensare alle altre persone prima di fare qualcosa che può colpirli.
Mi sono reso conto che non importa da quale paese veniamo, noi siamo tutti uguali e possiamo andare d'accordo.
(Horia, Romania)

La cucina italiana è davvero deliziosa!
[Il Welcome Party] è stata una grande serata e alla fine tutti gli studenti hanno cantato e ballato insieme.
(Miriam, Germania)
Alla festa d'addio c'era un enorme buffet con un sacco di gustose specialità italiane. Nel corso della serata, tutti i paesi partecipanti sono stati presentati con immagini, musica e poesia, è stato molto commovente. Alla fine tutti abbiamo ballato  e ci siamo goduti la nostra ultima sera insieme, ed eravamo molto tristi quando si è conclusa.
(Ursina, Germania)

No comments:

Post a Comment